Gemmazione spontanea

Valentina Murelli della redazione di Linx Magazine mi aveva chiesto di organizzare in un corpus unico e coerente i post su alimurgiche e piante spontanee commestibili e di costruirci attorno un percorso adatto a studenti e docenti delle scuole medie e superiori. Il risultato è ora disponibile (qui i pdf dell’articolo e della scheda didattica) assieme ad alcuni corollari, appendici, glossari ed extra. Sulla pagina dedicata all’articolo sono inoltre accessibili alcune schede monografiche ed altro materiale interattivo. Lo scopo dell’operazione era quello di toccare tutti i punti sensibili gravitanti attorno all’argomento ed usarli come cavallo di Troia per stimolare l’approfondimento di argomenti al confine tra discipline diverse. Il taglio è quindi volutamente cerchiobottista, in equilibrio tra le esigenze di semplicità del neofita e la cura per evitare di far saltare sulla sedia il navigato.

12 thoughts on “Gemmazione spontanea

  1. Complimenti per l’interessantissimo lavoro sulle piante alimurgiche ,🙂

    dal mio punto di vista , agricoltore bio ex convenzionale , e’ interessante constatare come piante che consideravo ‘infestanti’ per le colture possano aver avuto e cmq abbiano un ruolo diverso per l’ uomo come porcellana, ortica o l’amaranto per altre culture del centro america …
    Con il metodo bio cambia l’ approccio verso le ‘infestanti’ / alimurgiche , ci si convive e rotazioni e scelta di colture rustiche a rapida emergenza aiutano ad ottenere un prodotto soddisfacente

    Non vorrei che dopo questo interessantissimo lavoro , in tempi di crisi , le ns campagne siano invase da folle di ‘cittadini’ armati di laptop connessi alla rete e coltellacci per la raccolta di insalate ‘alimurgiche’ ! 🙂

  2. Di fronte ai cittadini che vogliono le insalate alimurgiche, la risposta dell’agricoltore-imprenditore non può che essere una: la misticanza di spontanee in confezione quarta gamma o quantomeno il cesto di misticanze fresche pronte alla vendita.

  3. Benedetto ha detto:

    Complimenti per l’articolo, l’ho trovato molto interessante. Purtroppo il link sulle spontanee in giardino non funziona.

  4. Benedetto ha detto:

    Ah ok, col link sarà un mio problema.
    Oggi, forutitamente, c’era la mia nonna cilentana a pranzo, non ho perso l’occasione per chiederle quali piante spontanee usasse in cucina. Tra quelle che ricordava ci sono: la borraggine, l’immancabile cicoria e i cardoncelli (piccoli cardi).

  5. >Di fronte ai cittadini che vogliono le insalate alimurgiche, la risposta dell’agricoltore-imprenditore non >può che essere una: la misticanza di spontanee in confezione quarta gamma o quantomeno il cesto di >misticanze fresche pronte alla vendita.

    Buona idea 😉

  6. Valentina Murelli ha detto:

    Intanto, grazie alle indicazioni del Prof. Bruni la suddetta intervistatrice ha imparato a riconoscere il topinambour e, dopo aver sperimentato il sapore dei tuberi del supermercato, si appresta a una spedizione di raccolta sulle rive del Po.

  7. Barbara Rosenthal ha detto:

    Io ho mangiato tarassaco tutto il week-end, raccolto nelle valli bergamasche dove decisamente abbonda! che buono!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...