Erbe alla lettera

Per celebrare il cambio di template, scatta il primo concorso di Meristemi. Il notaio mi passa un libro, ambientato in un’epoca in cui l’erboristeria industriale era ancora agli albori. Un giovane ricercatore neoassunto viene sollecitato dal datore di lavoro a studiare l’uso di antociani estratti da Centaurea cyanus, per creare un prodotto (un integratore alimentare, diremmo oggi) da usare contro il diabete. Il nostro non sposerà con molto entusiasmo la strana teoria terapeutico-commerciale del capo, ma finirà a rincorrere le cavie da laboratorio ed a fare vanamente il filo alla collega, che ama un altro. Chi è l’autore e di quale libro si tratta?

Al primo acculturato lettore, l’originale della stampa ottocentesca illustrata qui a lato e tratta dal Dictionnaire Universel d’Histoire Naturelle di Charles d’Orbigny

8 thoughts on “Erbe alla lettera

  1. juhan ha detto:

    Primo Levi, il Sistema Periodico, capitolo Fosforo.
    Probabilmente sono in ritardo ma grazie lo stesso per avermi fatto rileggere Levi. Bello il nuovo template, ma anche quello vecchio (che però era più pesante).

  2. Lo sapevo, era troppo facile 😉

    “La prima idea riguardava gli antociani. Gli antociani, come lei sa benissimo, sono i pigmenti dei fiori rossi ed azzurri: sono sostanze facili da ossidare e disossidare, tale è anche il glucosio, e il diabete è un’anomalia nell’ossidazione del glucosio; “dunque”, con gli antociani si poteva tentare di ristabilire una normale ossidazione del glucosio. I petali dei fiordalisi sono molto ricchi di antociani; in vista del problema, lui aveva fatto seminare tutto un campo a fiordalisi, raccogliere i petali ed essiccarli al sole: che io provassi a farne estratti, a somministrarli ai conigli ed a controllare la loro glicemia. La seconda idea era altrettanto vaga, ad un tempo semplicistica ed arruffata. Sempre secondo il Doktor Kerrn, nella interpretazione lombarda del Commendatore, l’acido fosforico aveva importanza fondamentale nel ricambio dei carboidrati, e fin qui c’era poco da obiettare; meno convincente era l’ipotesi, elaborata dallo stesso Commendatore sui fondamenti fumosi del Kerrn, che bastasse somministrare al diabetico un po’ di fosforo di origine vegetale per raddrizzare il suo metabolismo sovvertito. A quel tempo ero talmente giovane da pensare ancora che fosse possibile fare mutare idea ad un superiore; perciò avanzai due o tre obiezioni, ma vidi subito che sotto i colpi di queste il Commendatore si incrudiva come una lastra di rame sotto il martello. Tagliò corto, e con un certo suo tono perentorio che trasformava in ordini le proposte, mi consigliò di analizzare un buon numero di piante, di scegliere le più ricche in fosforo organico, di farne i soliti estratti e di infilarli nei soliti conigli. Buon lavoro e buona sera.”

    Ogni tanto sospetto che certi prodotti odierni non abbiano una genesi molto diversa…

  3. juhan ha detto:

    Proposta: rifare il concorso (io Primo Levi l’ho portato alla maturità con Vizio di Forma lo scorso millennio e l’ho letto tutto più volte). Anche nel frammento che riporti ci sono parecchi motivi per cui mi piace: l’inutilità di ragionare con i capi, la metafora dell’incrudimento, …
    Secondo me, se posso suggerire, il quesito potrebbe riguardare l’indovinare una pianta da un particolare, magari presa da una stampa, anche non specialistica, cosa in cui sono assolutamente impreparato. Il massimo, naturalmente, sarebbe una domanda, non banale, la cui risposta fosse 42 😉

  4. Eh, ma il concorso mica è tarato sulla tua preparazione/impreparazione ;-). Manda recapito via email, così aggiungo al premio anche una chilata di foglie secche.

  5. Non conoscevo il libro, dopo l’assaggio sul fosforo, mi è venuta la curiosità di leggere il resto del libro. Appena ordinato.
    Grazie Meristemi e auguri!

  6. Dopo due anni di onorato servizio, siamo passati a qualcosa di più aperto. Sarà anche il tentativo di riaversi dai grigi rigori dell’inverno di pianura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...