Sempre più in alto

Non è facile spiegare ad un consumatore o ad un appasionato le complicazioni sottese alla creazione di filiere sostenibili da piante officinali in aree geograficamente ed ambientalmente ostiche. Non è roba che si inventa nè che si esporta tout-court. Significa tenere in giusto peso molti fattori, alcuni dei quali difficili da condividere e spiegare con la sola teoria. Ad esempio, la traslazione diretta del sapere progredito in campo agricolo, agroforestale e spesso anche tecnologico non è possibile. Occorre tradurre, adattare al contesto culturale e sociale del luogo, occorre operare una serie di compromessi ed adattamenti anche altamente creativi all’habitat d’intervento ed ai suoi limiti. Bisogna saper cedere anche su alcuni elementi idealistici, a volte. Ci sono i limiti tecnologici, con apparati da costuire ad hoc e da consegnare attraverso valli, monti e strade da epopea degli esploratori.  Ci sono tecnologie da Zio Paperone, adattate in modo artistico alle esigenze fisiche, di alimentazione e di produzione. Ci sono limiti ambientali, dati dalla sostenibilità del consumo di combustibili non rinnovabili ma non sostituibili, dall’elusivo equilibrio tra domanda ed offerta, tra raccolta e ricrescita delle piante usate.

Noti i limiti della teoria a riguardo, meglio farsi portare dalla corrente della pratica. Nel racconto di Marco Valussi sulla produzione himalayana di oli essenziali da Rhododenron anthopogon, Juniperus indica, Juniperus recurva i temi citati sopra sono tutti messi in opera e disvelano come in un documentario la complessità della filiera delle essenze nei paesi in via di sviluppo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...