A proposito di mappature

logo_gapminderLeggere tabelle coi numeri intasa le meningi, leggere paginate di descrizione di dati raggomitola le sinapsi, per cui se vi interessa monitorare l’evoluzione di coltivazione e produzione di certi prodotti vegetali negli ultimi 50 anni, questo è il posto dove andare. Come annunciato da Agricultural Biodiversity (sempre sia lodato, in saecula saeculorum), al criceto di Gapminder hanno dato da mangiare il database della FAO e l’energia prodotta dalla ruota accende lampadine a go-go. Per capirci, Gapminder Agriculture permette di graficare e correlare in forma animata nazione per nazione diversi indicatori come, ad esempio, il volume di peperoncino prodotto negli anni, la superficie coltivata a grano saraceno, piretro, zenzero, noci di cola, menta e persino noce moscata. Spero che in futuro il database verrà ulteriormente implementato, dato che attualmente soprattutto tra i minor crops esistono diverse lacune, m comunque permette di sintetizzare in pochissimi secondi informazioni spesso difficili da correlate con altrettanta solida immediatezza. Ad esempio, nell’era dei biocombustibili chi davvero produce oli vegetali, le nazioni ricche o quelle povere? E come si correla la produzione di frutta fresca con la produzione mondiale di cibo (in proposito, la progressione della Cina negli ultimi 15 anni è spaventosa)?

Annunci