A proposito di mappature

logo_gapminderLeggere tabelle coi numeri intasa le meningi, leggere paginate di descrizione di dati raggomitola le sinapsi, per cui se vi interessa monitorare l’evoluzione di coltivazione e produzione di certi prodotti vegetali negli ultimi 50 anni, questo è il posto dove andare. Come annunciato da Agricultural Biodiversity (sempre sia lodato, in saecula saeculorum), al criceto di Gapminder hanno dato da mangiare il database della FAO e l’energia prodotta dalla ruota accende lampadine a go-go. Per capirci, Gapminder Agriculture permette di graficare e correlare in forma animata nazione per nazione diversi indicatori come, ad esempio, il volume di peperoncino prodotto negli anni, la superficie coltivata a grano saraceno, piretro, zenzero, noci di cola, menta e persino noce moscata. Spero che in futuro il database verrà ulteriormente implementato, dato che attualmente soprattutto tra i minor crops esistono diverse lacune, m comunque permette di sintetizzare in pochissimi secondi informazioni spesso difficili da correlate con altrettanta solida immediatezza. Ad esempio, nell’era dei biocombustibili chi davvero produce oli vegetali, le nazioni ricche o quelle povere? E come si correla la produzione di frutta fresca con la produzione mondiale di cibo (in proposito, la progressione della Cina negli ultimi 15 anni è spaventosa)?

5 thoughts on “A proposito di mappature

  1. juhan ha detto:

    “al criceto di Gapminder hanno dato da mangiare il database della FAO e l’energia prodotta dalla ruota accende lampadine a go-go”
    Bella metafora che unita al neologismo “graficare” (che ho già adottato) rende il post ancora più bello.😀
    Peraltro adesso il server di gapminder sembra sovraccarico, colpa tua?

  2. Quel graficare -orrendo- mi è scappato a dire il vero. Spero di non essermi giocato l’iscrizione all’Accademia della Crusca.

  3. Salve,
    passavo da qui e leggendo un paio di suoi post ho pensato che questa è la mia settimana della geografia…avevo da poco conosciuto Worldmapper e ora l’ho ritrovato qui; come se non bastasse grazie a lei ho conosciuto Gapminder, che ho trovato interessantissimo. Comincerò a “giocarci” un po’.
    Cerco di ricambiare segnalandole “Le dessous de cartes” di Arté,
    http://www.arte.tv/fr/Comprendre-le-monde/le-dessous-des-cartes/392.html
    anche se penso che questo programma lo conosca già, come anche Arno Peters:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Arno_Peters.
    Grazie e arrivederci.

  4. Benvenuto Davide. Come ho scritto da qualche altra parte la geografia è una specie di fissazione. No, non conoscevo la trasmissione di Arté perchè, ammetto la spocchia, non possiedo un televisore. Grazie per la segnalazione, il materiale che ho visto sul sito è molto interessante (mi sono guardato le mappe riguardanti la delocalizzazione agricola ed i biocarburanti, soprattutto).

  5. Io possiedo il televisore ma non lo guardo quasi più…”Le dessous des cartes” puoi guardarlo e registrarlo anche su Internet…Ciao.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...