E giù botte

Sarà anche per via del gioco delle parti, del posizionamento sul mercato e dell’inevitabile concorrenza in una nicchia che si sta saturando, ma da quando è uscito lo standard COSMOS i rivali europei della certificazione bio/organica del cosmetico sono passati al contrattacco. Ultimo nell’ordine NaTrue, che ha rilasciato una lista di pecche e difetti che sarebbero presenti tra le righe del disciplinare rivale. L’impressione è che i redattori di Cosmos abbiano optato per alcune aperture, creando per un disciplinare meno ideologico e, per inevitabile riflesso, NaTrue ha deciso di approfittare dello spazio di mercato lasciato meno protetto dal concorrente. La cosa buffa è che mentre il primo ente è formato da certificatori -quindi teoricamente da entità controllanti super partes rispetto al mercato cosmetico-, il secondo ente è invece nato direttamente da un board di aziende del settore.

Annunci