Quelli al tè verde potrebbero avere un ulteriore plus

ecgcQuando si trova una stele di Rosetta con traduzione dal jabberwocky al comprensibile è sempre festa grande. Da qualche giorno avevo messo nel tritacarne questo articolo, apparso su PNAS e dedicato allo studio di uno dei componenti del tè verde nella prevenzione dell’AIDS. Poi, dopo un paio di cibalgine, ho fortunatamente trovato questo, scritto da un ricercatore americano che si occupa del tema che spiega, con la giusta dose di realismo preventivo, il coinvolgimento dell’Epigallocatechina gallato nel “disturbo” della trasmissione per via sessuale del virus HIV-1. In particolare questo polifenolo, noto per interagire in modo destabilizzante con una lista lunga così di enzimi, proteine ed altre macromolecole umane, interferisce almeno in vitro con il meccanismo di infezione del virus attraverso il liquido seminale, mediato da strutture chiamate fibrille amiloidi. In sintesi: l’azione è topica e non orale, ergo a scanso di equivoci bere tè verde non previene nè tantomeno cura (nè curerà) la malattia, ma l’EGCG potrebbe essere inserito nei preservativi o nei mix di antimicrobici retrovirali ad azione topica che si stanno sperimentando per ridurre ulteriormente il rischio di infezione ed aumentarne l’efficacia.

L’interferenza esercitata dall’EGCG nei confronti di queste strutture proteiche non è una novità: recentemente sono stati pubblicati numerosi studi a riguardo -nessuno ancora clinico- a causa del loro possibile coinvolgimento in alcune malattie degenerative come l’Alzheimer.

—————————————-

The main green tea polyphenol epigallocatechin-3-gallate counteracts semen-mediated enhancement of HIV infection
Hauber, I., Heinrich Hohenberg, H., Holstermann, B., Hunstein, W., Hauber, J.
PNAS, 2009, 106, 9033-9038.

Peptide fragments, derived from prostatic acidic phosphatase, are secreted in large amounts into human semen and form amyloid fibrils. These fibrillar structures, termed semen-derived enhancer of virus infection (SEVI), capture HIV virions and direct them to target cells. Thus, SEVI appears to be an important infectivity factor of HIV during sexual transmission. Here, we are able to demonstrate that epigallocatechin-3-gallate (EGCG), the major active constituent of geen tea, targets SEVI for degradation. Furthermore, it is shown that EGCG inhibits SEVI activity and abrogates semen-mediated enhancement of HIV-1 infection in the absence of cellular toxicity. Therefore, EGCG appears to be a promising supplement to antiretroviral microbicides to reduce sexual transmission of HIV-1.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...