A latere

A margine delle attività del convegno IFOAM che si tiene a Modena in questi giorni, mercoledi 18 maggio presso il Baluardo della Cittadella la si terrà un convegno sull’utilizzo della biodiversità come stimolo per il mercato nei PVS. Titolo: “Lo sviluppo rurale contro la povertà attraverso la sostenibilità dell’agricoltura, la biodiversità e l’equità“.

A giudicare dalla scaletta degli interventi prevedo contenuti più istituzionali che tecnici specialmente nella sessione mattutina, con forse più fumo che sugo. Si entra ad invito (ottenibile via email, nel link i dettagli), non si dovrebbe pagare e può essere una buona occasione per capire come si muovono ONG, Slow Food e Fair Trade nella valorizzazione della biodiversità.

Molto interessante invece la scaletta della già annunciata Conferenza sulla Cosmesi Naturale che avrà luogo il giorno 20 a Sassuolo presso le Terme della Salvarola: quasi tutti gli interventi sembrano offrire spunti degni di essere approfonditi.

7 thoughts on “A latere

  1. aiuolaodorosa ha detto:

    Da semplice aiuola odorosa quale sono mi addentro per la prima volta nel tuo blog con il rispetto di chi visita una moschea: in punta di piedi e senza scarpe.
    Non mi sento molto fito-preparata…
    ciao
    a.o.

    p.s. vieni a votare la lavanda?

  2. Si. Il problema dell’evento di IFOAM è che è un congresso (o meglio, una serie di congressi) e non una fiera, ovvero un qualcosa più destinato ad addetti del settore che non rivolto verso l’esterno. Questo implica una sorta di “selezione all’ingresso”, che si traduce in costi esorbitanti per la partecipazione. Questo non avviene per lucro, o almeno non sempre, ma per evitare la possibile ingestibilità logistica e limitare la dispersione.

  3. murex26 ha detto:

    Sì, la cosa avrà di sicuro delle motivazioni…ma quello che ne deriva, ovvero pagare 260euro per ascoltare una conferenza, che non ti rilascia neanche un attestato qualificante…è davvero paradossale e anche anacronistico, se si considera che siamo nell’era dell’informazione libera😐

  4. Che la cosa sia nel complesso deprecabile non ci piove. Una buona soluzione sarebbe quella di prevedere quantomeno lo streaming gratuito degli interventi, che permetterebbe anche di fruire dei contenuti a distanza e on-demand, quando si ha tempo.

    Ricordati che quella congressuale è anche (purtroppo spesso soprattutto) una macchina economica (gente che si sposta, che organizza, che allestisce, ecc.), non solo di produzione e disseminazione di informazioni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...