Amazing Rare Things

Quando ieri scrivevo della presenza di arte botanica nei musei, mi spianavo ovviamente il terreno con una sfacciataggine ai limiti del vergognoso.

Amazing Rare Things è il titolo di una mostra della Royal Collection, il museo di Sua Maestà, curata dall’immarcescibile Sir David Attenborough. Si tratta di una visita guidata tra i memorabilia regali in tema naturalistico e tra le molte illustrazioni si ritrovano anche diversi disegni di piante, fiori e frutti esotici e/o utili per mano di Cassiano dal Pozzo, Alexander Marshal, Maria Sibylla Merian, oltre a tavole non solo vegetali di Leonardo da Vinci. Più che sulla precisione tassonomica, il materiale esposto punta sul sense of wonder dell’esotico e sull’eclettismo: siamo pur sempre a corte e la filologia dell’approccio scientifico cede il passo all’intento di usare la Natura come strumento di stupore e meraviglia. Amazing stories era del resto il nome di una delle più popolari collane di racconti di fantascienza pulp degli anni ’50, in cui la scienza e la tecnica venivano più o meno fantasiosamente piegate a soddisfare i medesimi obiettivi, per cui la scelta del titolo della mostra già ne spiega l’essenza.

In termini comunicativi la Amazing Rare Thing poi ha un ulteriore pregio: un eccellente sito completo di immagini navigabili e didascalie che permette una vera e propria visita virtuale.

Annunci